Notizie

Dal neverending tourism allo staycation, il dizionario del turismo post Covid

Fanno capolino nuovi modi di spostarsi e nuove sensibilità. Aspettando di poterci muovere come prima (più di prima?)

Una completa ridefinizione del settore. E questo che viene da pensare leggendo i numeri messi in fila da Federturismo, che evidenziano un – 90% di passeggeri aerei, per non parlare del calo di permanenze in hotel e strutture per l’ospitalità di vario tipo. Ma non solo. Oltre ad un forte calo delle presenze fa capolino anche la richiesta di una modalità nuova di viaggiare. Più slow e più attenta alla sostenibilità. E allora, come viaggeremo nel 2021?

Innanzitutto per il momento viaggeremo molto con la fantasia e davanti ad uno schermo. O perlomeno così la vede Airbnb, la piattaforma di affitti che ha lanciato le esperienze online. Imparare a cucinare la moussaka in attesa di poter andare in Grecia o conoscere tutto sul mistero del sepolcro di Gesù di Nazareth, queste sono solo alcune delle proposte acquistabili sulla piattaforma. E sulle esperienze puntano anche i teorici del neverending tourism, approccio agli antipodi del mordi-e-fuggi che si propone di prolungare l’esperienza turistica prima e dopo il viaggio, offrendo contenuti online come la visita virtuale alla città, corsi di cucina legati al territorio. 

Google, invece, pensa agli hotel, lanciando anche in Italia il proprio Hotel Insight una nuova piattaforma che “offrirà informazioni e risorse senza costi pensate per aiutare il settore alberghiero a intercettare la domanda turistica potenziale“. Aspettando i turisti, però, gli alberghi stanno cercando di attrarre un pubblico inedito, quello di chi abita a poche centinaia di metri o a qualche chilometro. Si chiama Staycation ed è la nuova frontiera del viaggio breve, anzi brevissimo. La offrono gli hotel a chi vuole staccare e uscire di casa per qualche ora o un paio di giorni. Un modo per gli albergatori di non chiudere del tutto e, per chi non vede l’ora di spostarsi, di potersi sentire in vacanza, magari, perfino in un film.